1. 1730

    Dipinto di Giovanni Battista Busiri
    larcheologia_foto_storica_1730
  2. 1750

    Incisione F. Duflos
    larcheologia_foto_storica_1750
  3. 1804

    Ristorante l'archeologia
    larcheologia_foto_storica_1890
  4. 1819

    Incisione J. M. W. Turner
    larcheologia_foto_storica_1819
  5. 1860

    Albumina da negativo al collodio umido
    larcheologia_foto_storica_1860
  6. 1876

    Ascan Lutteroth
    larcheologia_foto_storica_1876
  7. 1878

    Oswald Achenbach, Tomb of Caecilia Metella
    larcheologia_foto_storica_1876
  8. 1880

    Albumina da negativo al collodio umido
    larcheologia_foto_storica_1880
  9. 1885

    Cartolina postale
    larcheologia_foto_storica_1885
  10. 1886

    Cartolina postale
    larcheologia_foto_storica_1886
  11. 1889

    Cartolina postale
    larcheologia_foto_storica_1889
  12. 1891

    Cartolina postale
    larcheologia_foto_storica_1891
  13. 1897

    Gelatina di bromuro di argento
    larcheologia_foto_storica_1897
  14. 1900

    Fotografia
    larcheologia_foto_storica_1900
  15. 1910

    Cartolina postale
    larcheologia_foto_storica_1910
  16. 1920

    Cartolina postale
    larcheologia_foto_storica_1920
  17. 1921

    La foto scattata nel 1921 da Tomas Ashby ritrae l'archeologa americana Esther Van Deman accanto al sepolcro che si trova attualmente ingoblato all'interno del ristorante "L'archeologia"
    larcheologia_foto_storica_1921
  18. 1930

    Cartolina
    larcheologia_foto_storica_1930
1804

La nostra storia comincia nel 1804

L'archeologia

La nostra storia

L’Archeologia era un’antica stazione di posta per il cambio dei cavalli e un prestigioso crocevia per artisti e mercanti provenienti dal Mediterraneo.
Oggi l’imponente rudere di una Tomba romana funge da quinta alla bucolica visione del giardino e del glicine che da oltre 300 anni fiorisce e regala un gioco di luci e ombre nel pergolato.

La fondazione nel 1804 è testimoniata in una delle tante foto storiche all’interno della Sala degli Scipioni dove è visibile una frasca di alloro sopra l’ingresso indicandone il luogo di ristoro lungo il cammino, ovvero le moderne “fraschette”.Sul camino si staglia invece un’asta di bandiera che segnalava l’arrivo del vino nuovo.

L’Archeologia è l’incontro tra cultura e cucina, tra l’antico e il contemporaneo, tra il piacere della buona tavola e l’amore per la storia di Roma.

L'archeologia

La prima foto 3D

Nel 1903, durante uno dei tanti viaggi del Grand Tour (lungo viaggio nell'Europa continentale effettuato dai ricchi giovani dell'aristocrazia europea a partire dal XVII secolo e destinato a perfezionare il loro sapere con partenza e arrivo in una medesima città), il ristorante L'Archeologia veniva ritratto in questa foto stereoscopica, una tecnica fotografica che trasmette un’illusione di tridimensionalità, analoga a quella generata dalla visione binoculare del sistema visivo umano, che può essere considerata la prima versione del 3D, in cui la doppia immagine, quasi gemellare, dei luoghi, dei monumenti e delle opere d’arte visitate, ottenuta con un apparecchio fotografico a due obbiettivi che riprendevano simultaneamente, consentiva, utilizzando un particolare visore a due lenti, un’unica visione tridimensionale di ogni immagine.


Nella foto si nota sopra alla porta d'ingresso una frasca. Questo stava a significare che in quel periodo la locanda era provvista di vino nuovo.